in

GALAXY NOTE 7 Comunicato Ufficiale di Samsung e probabile soluzione temporanea

Ormai il caso del NOTE 7 è diventato davvero rilevamente, tant’è molte persone ci hanno scritto per un parere.

A tal proposito riportiamo ufficialmente quello che ha diffuso già la SAMSUNG in maniera ufficiale sul proprio sito web.

Tale comunicazione inoltre è già arrivata anche su alcuni Note 7 in via ufficiale a mezzo messaggio push.

COMUNICATO UFFICIALE GALAXY NOTE 7

02-09-2016

Samsung è da sempre impegnata nella produzione di prodotti di alta qualità e prende in seria considerazione ogni segnalazione proveniente dai nostri clienti.

In risposta ai casi riguardanti il Galaxy Note 7 recentemente segnalati, abbiamo condotto una indagine approfondita ed abbiamo individuato una problematica nelle celle della batteria del nostro prodotto.

Ad oggi sono stati segnalati 35 casi a livello globale e stiamo attualmente conducendo un controllo approfondito con i nostri fornitori per identificare le possibili batterie coinvolte presenti sul mercato.

Tuttavia, poiché la sicurezza dei nostri clienti è una priorità assoluta per Samsung, abbiamo deciso di sospendere le vendite del Galaxy Note 7.

Per i clienti che già possiedono un Galaxy Note7, procederemo – nelle prossime settimane – alla sostituzione del prodotto attualmente in loro possesso con un nuovo apparato.

Siamo consapevoli dei possibili inconvenienti che questa decisione potrebbe causare sul mercato; tuttavia quest’azione si rende necessaria affinché Samsung possa continuare a garantire la commercializzazione di prodotti di altissima qualità.

Stiamo lavorando a stretto contatto con i nostri partner per assicurare che la sostituzione del prodotto avvenga senza ulteriori inconvenienti.

Per maggiori informazioni e supporto, invitiamo i clienti a contattare il numero verde 800.025.520.

SI PENSA AD UN BUG FIX TEMPORENAEO

CHE LIMITI IL PROBLEMA ??

Notizie dal web riferiscono che sia in arrivo un bug fix temporaneo che limiti il problema; la ricarica della batteria si dovrebbe fermare al 60 per cento; questo eviterebbe in primis un surriscaldamento ed un abbassamento notevole di una probabile esplosione.

Netto controsenso in quanto la stessa casa sta già provvedendo alla sostituzione degli stessi device.