Samsung Galaxy X smartphone pieghevole

,

Samsung Galaxy X è realtà: ecco i primi dettagli sullo smartphone pieghevole

Stando alle notizie che rimbalzano dalla Corea, Samsung Galaxy X sarà lanciato nel 2019. Tanti ritardi, a causa delle difficoltà tecniche, ma il progetto sembra in stato avanzato.


Un paio di mesi fa abbiamo presentato il potenziale prototipo svelato da WiFi Alliance, oggi tornaimo a parlare di Samsung Galaxy X. Per chi non lo sapesse, si tratta di un terminale del quale si discute ormai da molto tempo, un prodotto in grado di rivoluzionare il mercato mobile.

Da tempo in casa Samsung si discute di uno smartphone pieghevole, tanto che molti analisti avevano fissato a maggio 2017 la data del lancio ufficiale. Questa profezia non si è concretizzata, a causa di problematiche tecniche a quanto pare, tuttavia la casa asiatica non ha abbandonato il progetto. Anzi.

Samsung Galaxy X sarebbe già dovuto essere nei negozi da mesi, un progetto ambizioso che richiede tempo e risorse, forse è proprio per questo che l’azienda ha preferito proseguire con S8 e Note 8, dispositivi top di gamma certamente più convenzionali.

Samsung Galaxy X smartphone pieghevole

La ditta sta lavorando sui dettagli, non è infatti semplice sviluppare un device di questo tipo, bisogna procedere gradualmente per immettere sul mercato prodotti che, oltre all’effetto “wow” siano in grado di offrire prestazioni affidabili nel lungo periodo.

Stando a quanto apprendiamo dal Korea Herald, il nome completo dello smartphone pieghevole in questione è Samsung Galaxy X1, un dispositivo ibrido che grazie al suo schermo OLED da 7 pollici potrà essere utilizzato sia come tablet sia come smartphone vero e proprio.

Prevista anche un’edizione Plus, come è ormai consuetudine in casa Samsung. Ma come funzionerà Galaxy X1? L’elemento centrale è la cerniera intermedia che consentirà di piegare il device. La parte frontale dovrebbe essere in vetro, con una superficie morbida che lo renda ancora più confortevole da “indossare”.

Fotocamera piazzata al centro del dispositivo con matrice laterale, la stampa coreana menziona anche dei non meglio precisati “sensori” circa i quali però al momento non abbiamo dati certi. Un ultimo dato, non di poco conto, a quanto pare il lancio ufficiale è fissato per la prima metà del 2019. Che ne dite di questa trovata? Pensate possa essere un’idea di successo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *