in ,

CAMPAGNA DI RICHIAMO GALAXY NOTE 7: Al via anche in Italia

Immagine del Galaxy Note 7 alla presentazione ufficiale a New York. Vista frontale

Campagna di richiamo Galaxy Note 7: Samsung Italia si pronuncia

Ormai sono noti e ben accertati 35 in tutto fino ad oggi i casi in cui il SAMSUNG GALAXY NOTE 7 ha presentato problemi alla batteria, definitasi in alcuni casi batteria esplosiva. Sospesa la vendita dello stesso da una settimana circa, adesso Samsung Italia si è finalmente pronunciata sulla procedura da eseguire per il reso del prodotto, per chi ne avesse già acquistato uno ovviamente.

Focus sulla procedura

  • chi ha acquistato un Galaxy Note 7 è invitato a contattare il call center Samsung (800.025.520);
  • ci si potrà anche rivolgere al venditore da cui è stato acquistato per restituire il prodotto;
  • i terminali sostitutivi verranno spediti a partire dal 19 settembre;
  • chiunque deciderà di aspettare il device sostitutivo riceverà un voucher di 50 euro, eventualmente in collaborazione con il punto vendita;
  • qualora si volesse invece optare il rimborso, Samsung garantisce la restituzione dell’intera cifra pagata.

Bisognerà adesso vedere come reagiranno i consumatori davanti ad una notizia del genere; chi l’ha già tra le proprie mani, vorrà restituirlo? Ci saranno casi in cui si opterà per il rimborso completo e quindi, la facoltà di poter acquisire tutt’altro prodotto? o casi in cui si attenderà il ricevimento di un nuovo device?

“è lo strumento che ci dirà realmente il pensiero degli utenti su questo caso” 

Sicuramente non è quello che voleva Samsung per il suo Note 7, atteso da molti utenti e fan. Bisogna complimentarsi, comunque, per aver essa stessa diffusa la notizia e di aver subito messo in piedi una politica di reso, comunque molto tempestiva, bloccando subito le vendite nei vari Store.

Si è anche specificato che la versione asiatica del Note 7 è esente da tale problema in quanto diverso è il fornitore che ha fornito la batteria.

Purtroppo il problema si è verifiato; sta adesso a Samsung cercare di capire il reale motivo di questa batteria definita in primis dagli utenti “difettosa” ed “esplosiva”.

Nelle prossime settimane i dati ricavati da questa operazione inizieranno ad essere diffusi, e solo cosi si potrà vedere come hanno realmente reagito gli utenti davanti a tale problematica.