in

S-Patch3: Samsung pronta al lancio del primo dispositivo indossabile con bioprocessore

Un nuovo dispositivo indossabile pensato per la nostra salute, FCC ha da poco certificato un dispositivo Samsung denominato S-Patch3: scopriamo di cosa si tratta.

Samsung S-Patch bio-processore bioprocessore

Samsung lavora duro sul fonte degli smartphone, c’è infatti grande attesa per Galaxy Note 8, recentemente mostrato in un nuovo render, grande attenzione anche all’intrattenimento domestico, con i nuovi televisori QLED da 80 pollici e oltre, l’impegno del colosso sud-coreano però non si esaurisce qui. In arrivo c’è anche un dispositivo indossabile in grado di rivoluzionare il mercato.

Il colosso asiatico quasi due anni fa ha annunciato un progetto molto interessante, parliamo di un bioprocessore in grado di implementare funzionalità riguardanti la salute dell’utente, una tecnologia in grado di portare il dispositivo indossabile in una nuova dimensione. Di questo elemento si è parlato molto, ma fino a questo momento non si è ancora visto a bordo di un device. Fino a ora.

Un dispositivo indossabile per la nostra salute

Facciamo un salto indietro nel tempo, tornando al Consumer Electronics Show che si è tenuto a Las Vegas nel 2016, in quell’occasione l’azienda coreana ha svelato al mondo S-Patch, un concept al cui interno era presente un bioprocessore. Non trattandosi di un device vero e proprio, le informazioni al riguardo sono state scarse.

Samsung S-Patch bio-processore bioprocessore

Samsung ha reso noto che questo dispositivo aveva una memoria interna e una clip che consentiva all’utente di apporre il device al petto in modo da monitorare in maniera efficiente l’attività cardiaca. I dati rilevati vengono trasmesse via Bluetooth allo smartphone (o a un tablet) in modo di essere conservati e poter creare un database da condividere, ad esempio, con il medico curante.

Un dispositivo indossabile di questo tipo potrebbe rappresentare una grande novità rispetto ai prodotti attualmente sul mercato, tutto rotea intorno al bioprocessore. E, guarda, caso, FCC ha appena certificato un device chiamato S-Patch3 con tanto di un’immagine e la definizione di “dispositivo indossabile per il monitoraggio sanitario”.

Non ci sono dunque più dubbi che il progetto S-Patch sia in fase avanzata, stando alle indiscrezioni che circolano in questi giorni, la fase operativa sarebbe partita circa un anno fa, tuttavia al momento disponiamo di pochi elementi per azzardare previsioni.