in

Samsung nei guai, oltre due milioni di utenti sono a rischio malware

Una vecchia app potrebbe rappresentare un serio problema per numerosi utenti Samsung: i colosso sudcoreano non ha rinnovato un dominio e ora c’è da trovare la soluzione.

samsung logo

Samsung ha affrontato il 2017 con rinnovato entusiasmo, dopo le grande dello scorso anno è riuscita a tornare sotto i riflettori per la bontà dei propri prodotti. Esempio lampante di questo nuovo corso è Galaxy S8, un dispositivo finito sulla bocca di tutti grazie a un hardware sofisticato e un design che sta ridefinendo le regole del mercato. Non per questo però quest’anno si sta rivelando privo di avversità.

Stando a quanto evidenziato da un ricercatore nel campo della sicurezza, il gigante coreano non avrebbe curato alla perfezione i dettagli. Sul banco degli imputati c’è un dominio che viene utilizzato da un’app pre-istallata su dispositivi di qualche anno fa. Cosa c’è di strano? Beh, Samsung non ha rinnovato il dominio in questione.

Samsung, occhio al dominio

Tantissimi utenti potrebbero essere a rischio hacker, non si tratta di allarmismo ma il rischio è concreto. Il mancato rinnovo del dominio legato a S Suggest può infatti rappresentare un problema molto serio consentendo l’istallazione di malware in remoto.

samsung logo

S Suggest – come… suggerisce il nome – è un’applicazione che consiglia agli utenti altre app che potrebbero essere di suo gradimento. Parliamo di un prodotto ormai dismesso, lo sviluppo infatti è stato mollato da tre anni ormai. João Gouveia di Anubis Labis ha conteggiato 600 milioni di connessioni al giorno, parliamo di oltre due milioni di dispositivi.

Tramite il sito ssuggest.com è possibile svolgere molte operazioni sul terminale di questi utenti, si va dalla cancellazione di app, passando dal riavvio del terminale, fino ad arrivare all’istallazione di malmware. Samsung ha negato rischi concreti per gli utenti, ma in ogni caso deve ringraziare Gouveia che ha preso il controllo del dominio per restituirlo all’azienda sud-coreana.